Deforestazione

Deforestazione in aumento in Amazzonia. Superati i 10.000 chilometri quadrati

Deforestazione. Tra gennaio e novembre dello scorso anno,
la deforestazione nell’Amazzonia brasiliana
ha superato praticamente i 10.000 chilometri quadrati.

Lo evidenzia un rapporto dell’organizzazione non governativa Imazon,
con sede a Belém, nel Pará,
che si occupa alla conservazione della foresta pluviale amazzonica.

A dicembre del 2020, infatti,
il disboscamento ha distrutto oltre 480 chilometri quadrati di territorio
e nei primi undici mesi dello scorso anno
l’area devastata è complessivamente salita a ben 10.222 chilometri quadrati,
secondo l’ong ambientalista.

L’area interessata nel novembre scorso, in compenso,
è stata inferiore a quella dello stesso mese del 2020,
quando furono distrutti 484 chilometri quadrati,
ha precisato Imazon.

«Le conseguenze dell’aumento della deforestazione di quest’anno
sono innumerevoli, tra cui l’intensificazione del riscaldamento globale,
l’alterazione del regime delle precipitazioni e la perdita di biodiversità»,
hanno affermato i ricercatori.

«La distruzione della foresta minaccia anche la sopravvivenza
di popoli e comunità tradizionali
come gli indigeni e i quilombolas (villaggi di afrodiscendenti, ndr)»,
hanno aggiunto.

I ricercatori hanno inoltre mostrato
che nelle Unità di conservazione situate nelle terre indigene
la deforestazione finora è aumentata addirittura del 138%.

La distruzione della foresta nelle riserve indigene
è infatti maggiore rispetto ad altre regioni
a causa dell’offensiva lanciata da cercatori d’oro,
trafficanti di legname e produttori di bestiame e soia,
sostengono gli ambientalisti.

Per il coordinatore del rapporto dell’Istituto socio-ambientale,
Antonio Oviedo, «il governo brasiliano ha smantellato», inoltre,
le politiche di tutela dell’Amazzonia
attraverso una serie di misure come la mancanza di vigilanza
e l’eliminazione delle multe a carico di chi commette reati ambientali.

Durante il vertice ambientale Cop26 tenutosi a Glasgow, in Scozia,
il governo brasiliano si è impegnato tuttavia a eliminare completamente
la deforestazione illegale entro il 2028.

Da “L’Osservatore Romano”, lunedì 3 gennaio 2022, p. 4.

Foto: Deforestazione in aumento in Amazzonia / tpi.it

Lascia un commento